Certificato Medico Sportivo

Il certificato medico sportivo è un documento che attesta l’idoneità fisica a svolgere una attività sportiva. Può essere rilasciato, a seconda dei casi, a seguito di una visita medico sportiva, dal medico di famiglia, dal pediatra o dal medico dello sport. Non è sempre obbligatorio, ma varia a seconda che venga richiesto per i bambini, per attività ludico-motoria, per attività sportiva non agonistica o per attività sportiva agonistica.

Il certificato medico per bambini è obbligatorio?

Secondo un Decreto emanato dal Ministero della Salute a marzo 2018, per i bambini da 0 a 6 anni non è obbligatorio presentare il certificato medico per l’attività sportiva svolta, fatta eccezione per i casi segnalati dal pediatra.

Per favorire l'attività sportiva fin da piccoli, il decreto stabilisce, infatti, che “Non sono sottoposti ad obbligo di certificazione medica, per l’esercizio dell’attività sportiva in età prescolare, i bambini di età compresa tra 0 e 6 anni, ad eccezione dei casi specifici indicati dal pediatra”.

Il certificato medico-sportivo per attività ludico-motoria è obbligatorio?

Per chi pratica attività ludico-motoria non è obbligatorio il certificato medico sportivo. Infatti il decreto ministeriale dell’aprile 2013, noto come Decreto Balduzzi, che riforma la legge del 1982, ha soppresso la visita medico sportiva per chi svolge una semplice attività ludico-motoria, come chi frequenta corsi di yoga, pilates, anche tennis e calcetto, purché l’attività venga svolta al di fuori di ogni contesto di gare o competizioni promosse da società sportive.

Per attività ludico-motoria/amatoriale si intende infatti un'attività svolta da persone non tesserate con le Federazioni sportive nazionali o con gli Enti di promozione sportiva e finalizzata solo al raggiungimento e mantenimento del benessere psico-fisico della persona.

A chi è richiesto il certificato medico sportivo per attività sportiva non agonistica?

Secondo il decreto ministeriale 8 agosto 2014, firmato dal Ministro della salute Beatrice Lorenzin con le Linee guida di indirizzo in materia di certificati medici per l’attività sportiva non agonistica, il certificato medico sportivo è obbligatorio, per le persone di età superiore ai 6 anni, nei seguenti casi:

a) per gli alunni che svolgono attività fisico-sportive organizzate dagli organi scolastici nell'ambito delle attività parascolastiche extra orario curriculare;

b) per coloro che svolgono attività organizzate dal CONI, da società sportive affiliate alle Federazioni sportive nazionali, alle Discipline associate, agli Enti di promozione sportiva riconosciuti dal CONI, che non siano considerati atleti agonisti ai sensi del decreto ministeriale 18 febbraio 1982;

c) per coloro che partecipano ai Giochi sportivi studenteschi nelle fasi precedenti a quella nazionale.

A chi è richiesto il certificato medico sportivo per attività sportiva agonistica?

Il certificato medico sportivo è sempre obbligatorio per chi svolge attività agonistica, come sancito dal Decreto del Ministero della Sanità del febbraio 1982.

Per attività agonistiche si intendono quelle attività praticate in via continuativa, organizzate da Federazioni sportive nazionali, da enti di promozione sportiva riconosciuti dal Coni o dal Ministero dell’Istruzione.